La Lituania, senza dimenticare Riga, Lettonia

21.06.2020
Trakai Castle
Trakai Castle

Articolo in definizione

Su una cosa questi paesi baltici vi sorprenderanno, il loro entusiasmo, capacità e organizzazione nell'accogliere i turisti.

Clicca

Percorso 1

Percorso 2

Visitare i Paesi Baltici in bicicletta è magnifico, il viaggio ideale con questo mezzo che vi conduce dolcemente senza grande fatica. Non solo per i bellissimi paesaggi, la tranquilla campagna, ma anche per il fatto che grandi dislivelli non ve ne sono e se il vento è a favore, forse non è nemmeno necessario pedalare. Trovare da dormire è estremamente facile, vi sono moltissime possibilità e per tutte le tasche.

Di tutti i viaggi forse questo è stato quello in cui ho deciso più di altri di rilassarmi e dove la bicicletta c'è stata, ma non l'ha fatta da padrona. Volendo c'è un bel percorso che costeggia tutta la costa dei tre paesi: L'eurovelo 9, per cui un'idea potrebbe essere di fare il percorso da Tallin a Klaipėda e poi da Klaipėda fino a Vilnius o viceversa da Vilnius a Klaipeda e poi da Klaipėda a Tallin, ovviamente è un viaggio che richiede un paio di settimane, ma certamente dipende da quanti Km al giorno fate.

Come vi dicevo, per ragioni di tempo e anche di voglia, la mia scelta è stata un più turistica e un po' meno ciclo del solito.

Interessante è stato il mio arrivo, ovvero come partire da Verona, arrivare all'aeroporto di Malpensa ed arrivare a Vilnius. Questa volta ho fatto tutto in bicicletta senza preparare nulla a casa. Dunque sono arrivato in treno in stazione, ho preso un biglietto per la bici e un regionale fino a Milano, da lì un altro regionale fino al terminal del volo a Malpensa. Appena fuori dalla stazione ho preso un carrello per i bagagli, quindi mi sono messo da parte ho steso il telo da giardino ben piegato che avevo acquistato in precedenza e ho cominciato l'operazione di impacchettamento. Mi sembra evidente che bisogna arrivare con largo anticipo e che smontare la bici richiede un'oretta senza voler batter un record. Comunque smontati i pedali, le ruote, i parafanghi etc. come ho descritto nell'articolo sulla combinazione bici aereo, ho fatto il check in, ho portato la bicicletta all'imbarco dei bagli speciali ed è fatta, una volta arrivato, ho rimontato il tutto e sono arrivato a Vilnius città in bicicletta.

Questi paesi vi stupiranno per lo sviluppo e il dinamismo, forse bisogna avere solo una piccola un'accortezza. In questi paesi  la rete ferroviaria è certamente in forte sviluppo, i treni sono ottimi e collegano le maggiori città all'interno delle repubbliche, ma i collegamenti fra le repubbliche non sono così frequenti e bisogna prenotare per tempo. Al contrario la rete degli Autobus, anche a lunga percorrenza è davvero efficiente e organizzata. Tutti gli autobus caricano bici nella stiva, alcuni richiedono che sia impacchettata, altri no, molti hanno anche il portabici posteriore. Quindi se volete fare una scorciatoia, questo potrebbe essere il mezzo da associare alla vostra bicicletta.

Le mie tappe sono state:

* Vilnius Klaipėda da qui ho fatto tutta la bellissima costa da nord a sud lungo la quale c'è una ciclabile perfetta.

* Da Klaipėda a Jurbarkas

* Jurbarkas a Kaunas

* Kaunas-Pažaislis Monastery andata e ritorno, e Kaunas-Vilnius in autobus con bici nella stiva.

* Vilnius - Riga andata e ritorno in autobus (Bici in Hotel)

* Vilnius - Trakai in autobus (Bici in Hotel)

* Vilnius - Vievis in Treno/Bici; Vievis-Kernavė in bici;  andata e ritorno.

Quindi qualche volta la bici è rimasta in hotel :-)


© 2017 Blog dei viaggi di Claudio Gnaccarini. Tutti i diritti riservati.
Creato con Webnode
Crea il tuo sito web gratis!